punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

17/11/2017 Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità
La CPD, Consulta per le Persone in Difficoltà, è lieta di annunciare la Conferenza stampa che aprirà il programma degli eventi della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2017
Appuntamento il 29 novembre alle ore 11.00 presso la Sala Conferenze del Museo Nazionale del Cinema.
17/11/2017 NIENTE SU DI NOI SENZA DI NOI

Il percorso “NIENTE SU DI NOI SENZA DI NOI: la convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità spiegata ai suoi protagonisti” inizia venerdì 24 novembre. Gli incontri sono rivolti a giovani con sindrome di Down o altra disabilità intellettiva dai 18 ai 30 anni e si terranno dalle ore 20.30 alle 22.30 presso la sede della Associazione in via Quintino Sella 17, Moncalieri.

10/11/2017 Vita indipendente per le persone con disabilità

Tavola rotonda promossa per il 13 novembre 2017 al Campus Luigi Einaudi di Torino dal Comitato Legge 162 Piemonte, movimento di persone con disabilità e familiari, con il sostegno del Centro Studi per i Diritti e la Vita Indipendente dell’Università di Torino, sezione del CIRCE (Cento Interdipartimentale di Ricerca sulla Comunicazione).

3/11/2017 Vogliamo un sostegno scolastico di qualità

Istituti Tecnici Professionali: insegnanti Diplomati senza specializzazione possono accedere ai posti di sostegno.

E’ a rischio il diritto allo studio dei ragazzi con bisogni educativi speciali e i diritti delle loro famiglie, tutelati dalla Legge n.104, che vuole garantire il più possibile la qualità dell’insegnamento. 

3/11/2017 I GIOVEDÌ del diritto alle cure socio-sanitarie

Giovedì 9 novembre, ore 16-17 si terrà il 2° presidio, promosso dalla Fondazione promozione sociale onlus e dalle associazioni aderenti al Csa - Coordinamento sanità e assistenza fra i movimenti di base.

Lo scopo è ricordare alla Giunta Chiamparino che ci sono in lista di attesa da anni e senza tempi certi di risposta almeno 30.000 anziani malati non autosufficienti e/o con Alzheimer o altra demenza e oltre 3.000  persone con disabilità intellettiva e/o autismo con limitata o nulla autonomia.

Vita indipendente per le persone con disabilità

10/11/2017

Immagine: Vita indipendente per le persone con disabilità

Partendo dal concetto di vita indipendente formulato dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità («Vivere nella società su base di uguaglianza con gli altri e avere la possibilità di scegliere dove e con chi vivere sono diritti di tutte le persone con disabilità»), quali sono gli strumenti e le modalità operative che possono rendere tale diritto esigibile?

Vita indipendente per le persone con disabilità: perché/come pensarla e realizzarla. Comitato 162 e Cooperative Sociali a confronto: è questo il titolo dell’importante tavola rotonda promossa per il 13 novembre prossimo al Campus Luigi Einaudi di Torino dal Comitato Legge 162 Piemonte, movimento di persone con disabilità e familiari, con il sostegno del Centro Studi per i Diritti e la Vita Indipendente dell’Università di Torino, sezione del CIRCE (Cento Interdipartimentale di Ricerca sulla Comunicazione).«La Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità – spiegano i promotori dell’incontro -, insieme alla Legge 18/09 che l’ha ratificata in Italia e al nuovo Programma di Azione Biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità, recentemente approvato, lo affermano con chiarezza: vivere nella società su base di uguaglianza con gli altri e avere la possibilità di scegliere dove e con chi vivere sono diritti di tutte le persone con disabilità. Partendo quindi proprio dal concetto di vita indipendente così come formulato nell’articolo 19 della Convenzione ONU (Vita indipendente ed inclusione nella società), ci prefiggiamo, con questa giornata di studi, di riflettere su quali processi, strumenti e modalità operative possano rendere questo diritto esigibile».

Particolarmente autorevole la platea dei relatori, che – moderati da Cecilia Marchisio del Centro Studi per i Diritti e la Vita Indipendente dell’Università di Torino – saranno Nerina Dirindin, senatrice ed economista sanitaria, Vittorio De Micheli della Direzione Sanità della Regione Piemonte, Giovanna del Giudice della Conferenza Permanente per la Salute Mentale nel Mondo, Claudio Gilardi, presidente del Comitato 162 Piemonte, Anna Di Mascio, responsabile di Legacoop Piemonte, Luca Facta, direttore di Federsolidarietà Piemonte e Carlo Giacobini, responsabile del Servizio HandyLex.org e direttore editoriale della testata «Superando.it».
Interverranno inoltre Matteo Graglia, titolare di un progetto di vita indipendente e Alessandra Civardi, tutor del Progetto VelA-Verso l’Autonomia, promosso negli anni 2014-2016 sul territorio cuneese, di cui il nostro giornale ha seguito passo dopo passo gli sviluppi. (S.B.)

La partecipazione alla tavola rotonda del 13 novembre a Torino è gratuita, ma è necessario iscriversi, scrivendo a centrostudi-divi@unito.it. Allo stesso recapito si possono chiedere ulteriori informazioni e approfondimenti.

Fonte: superando.it

Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

CPD è socia aderente di 

 

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.