punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

12/12/2018 Premiazione Concorso “Non arrendersi mai”

Si sono conclusi questa mattina gli eventi organizzati dalla CPD in occasione delle celebrazioni della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2018. Questa settimana si sono svolti 3 appuntamenti dedicati alle scuole per costruire con gli adulti di domani un futuro all’insegna delle pari opportunità, dove la voglia di mettersi in gioco per se stessi e per gli altri sia la chiave vincente per una società inclusiva.

10/12/2018 Piccole mani in concerto

Associazione Rubens presenta "Piccole mani in concerto", venerdì 14 dicembre, serata di Natale, dalle ore 21.00 alle ore 22.30. Corso Unione Sovietica 220/D (ingresso accessibile in Via San Marino 10). Offerta libera.

7/12/2018 Abbandonati dalla sanità piemontese

Segnaliamo due eventi: martedì 11 dicembre 2018 presso il Comune di Torino dalle 15.30 alle 17.30 presentazione del testo "Abbandonati dalla sanità piemontese", giovedì 13 dicembre 2018 presidio davanti all'ASL Torino di via San Secondo 29 dalle ore 8.00 fino alle ore 11.00

7/12/2018 Convegno "Dall’arte per tutti all’arte di tutti"

Quattro opere d’arte realizzate da artisti con disabilità sono entrate a far parte della collezione delle OGR di Torino, che hanno ospitato, in occasione della Giornata internazionale delle persone con Disabilità, il convegno “Dall’arte per tutti all’arte di tutti”.

4/12/2018 Giornata dedicata alle scuole

All’interno del calendario delle celebrazioni della Giornata Internazionale delle persone con disabilità si è svolta a grande richiesta, in data odierna, la Giornata dedicata alle scuole: 50 scuole, con oltre 2000 studenti di ogni ordine e grado di Torino e della sua Città Metropolitana accompagnati da 300 docenti che con vivacità e passione hanno deciso di trascorrere la mattinata al PalaSport Ruffini.

Convegno La Cultura per Tutti – 11 dicembre Torino

12/12/2017

Immagine: Convegno La Cultura per Tutti – 11 dicembre Torino

Al Convegno La Cultura per Tutti, che si è tenuto ieri, 11 dicembre 2017, dalle ore 9.00 alle ore 14.00 nella Sala Movie – Film Commission Torino, hanno partecipato con attenzione e coinvolgimento oltre 80 persone: rappresentanti del mondo culturale, delle associazioni legate al mondo della disabilità, studenti e cittadini interessati.

L’appuntamento, inserito nel programma degli eventi della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2017, ha illustrato come il diritto all’accesso culturale debba essere garantito a tutti facendo dell’accessibilità, della fruibilità e della piacevolezza i cardini per la progettazione di servizi e offerte vincenti. I relatori si sono confrontati, tessendo nuove reti e collaborazioni, partendo da interessi comuni e da modalità di lavoro che si sono arricchite proprio grazie al dialogo e alla condivisione. 

Durante la prima sessione, Saluti istituzionali e introduzione, i rappresentanti delle istituzioni hanno presentato la Cultura per Tutti, quale strumento indispensabile per dare significato e forza a una cittadinanza sempre più matura e partecipe e per implementare concretamente il welfare culturale cittadino. Eugenia MONZEGLIO - Vice Presidente Istituto Italiano Turismo per Tutti, ha introdotto le tematiche centrali dell’incontro e presentato esempi pratici di alcuni accorgimenti che consentono la fruizione culturale for all. Anna PIRONTI - Responsabile Capo Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, ha illustrato il lavoro portato avanti negli anni in collaborazione con il Tavolo Cultura Accessibile, focalizzando l’attenzione sull’importanza del Manifesto della Cultura Accessibile a Tutti, sempre attuale e di rilevanza per le istituzioni a livello nazionale. Brando BENIFEI - Vice Presidente dell’Intergruppo Parlamentare sulla Disabilità, ha presentato il valore dell’intervento dell’Europa nei confronti delle tematiche della disabilità anticipando le iniziative correlate che si inseriscono nell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018. Francesca Paola LEON - Assessore alla Cultura della Città di Torino, si è impegnata ad adottare il Manifesto della Cultura Accessibile a Tutti come strumento politico culturale della città, rimarcando la necessità di attivare una collaborazione trasversale a livello progettuale e una formazione per costruire una coscienza collettiva attenta alle esigenze specifiche. Silvio MAGLIANO - Presidente del Centro Servizi per il Volontariato Torino, ha sottolineato l’importanza della cooperazione nella realizzazione e nel mantenimento attivo di progetti culturali, mettendo in risalto l’impegno e il valore del Volontariato.

Nella seconda sezione, Progettazione culturale for All, il moderatore Giovanni FERRERO - Direttore Consulta per le Persone in Difficoltà, ha portato la discussione sull’importanza di una progettazione studiata e concreta, dando la parola ai relatori che hanno raccontato il proprio lavoro dirigenziale. Cristina AMENTA - Architetto, Fondatrice C-FARA ha esposto il duplice tema “della cultura dell’accessibilità e dell’accessibilità della cultura”, affrontando criticità e presentando soluzioni per realizzare una progettazione inclusiva e un turismo del territorio accessibile. Paola CASAGRANDE - Direttore Promozione della Cultura, del Turismo e dello Sport della Regione Piemonte, partendo da quanto finora svolto in termini di turismo accessibile e miglioramento della vita dei cittadini, ha presentato il progetto interregionale Residenze reali, ville, castelli e giardini storici con un focus sulle attività svolte in Piemonte in collaborazione con l’Istituto Italiano per il Turismo per tutti. Nicola RICCIARDI - Direttore delle OGR - Officine Grandi Riparazioni, ha presentato il modus operandi incentrato su innovazione, inclusione e formazione, e ha rimarcato l’impegno assunto con Le linee guida per realizzare eventi inclusivi nelle OGR – Officine Grandi Riparazioni. Paolo VERRI - Direttore Fondazione Matera-Basilicata 2019, ha illustrato le positive ripercussioni che il lavoro svolto a favore di un’accessibilità “fisica e intellettuale” nel territorio e nella cultura lucana porta alla cittadinanza e ai turisti. Si è impegnato ad adottare Le linee guida per realizzare eventi inclusivi.

Nella terza sezione, Le best practices della Cultura for All, la moderatrice Consuelo AGNESI - Architetto del Cerpa - Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell'Accessibilità, ha chiesto ai relatori di presentare alcune buone pratiche sperimentate e sistematizzate in ambito culturale nazionale, confrontandosi in particolare sulle molteplici potenzialità della comunicazione, raccontando la propria esperienza legata alla sordità. Maria Chiara CIACCHERI - Consulente e formatrice per l'accessibilità museale, Associazione L'abilità Onlus, ha presentato il progetto Museo per Tutti, nato a Milano nel 2014 con l’obiettivo di creare servizi e offerte culturali nei musei con attenzione alle esigenze di persone con disabilità intellettiva. Daniele GABRIELLI - Referente team accessibilità Macerata Opera Festival, ha illustrato i servizi quotidianamente offerti ai fruitori con disabilità sensoriale, sottolineando l’importanza dei sopratitoli per ogni spettatore e presentando i percorsi esperienziali di comprensione dello spettacolo, realizzati sia con una guida in LIS che con la conoscenza tattile. Laura RAFFAELI - Presidente Associazione Blindsight Project Onlus, ha raccontato le esperienze della Festa del Cinema di Roma e di Cinemanchìo, sottolineando la necessità che tali esperimenti diventino pratiche sistemiche, obiettivo raggiungibile attraverso la sinergia, l’uso corretto del lessico e l’informazione sugli strumenti di ausilio per le persone con disabilità sensoriale.

La quarta sezione, Le innovazioni tecnologiche, moderata da Paolo ROBUTTI - Presidente Associazione Abilitando, ha offerto una panoramica sugli strumenti tecnologici che permettono la fruizione culturale in autonomia. Carlo CAFARELLA - Associazione Culturabile, ha descritto l’utilizzo dell’applicazione italiana MovieReading, che dal 2011 consente a persone con disabilità visiva e uditiva di andare al cinema in autonomia, e ha presentato gli sviluppi normativi e tecnologici nel campo dell’accessibilità cinematografica. Andrea DEL PRINCIPE e Mauro ROSSINI – Rai, Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica, hanno illustrato le tecnologie innovative per l’accesso ai contenuti dei prodotti televisivi con rilevanza alla progettazione di un interprete virtuale di LIS e agli strumenti per la fruizione degli spazi culturali della RAI: il Museo della Radio e della Televisione e l’Auditorium Toscanini. Andrea MOIO -  R&D AT MEDIA, ha descritto il funzionamento e le potenzialità del progetto Coperniko, basato sul tracciamento rigido del volto che trasforma le movenze in comandi e consente di esperire visite virtuali immersive da casa o sul posto. Deborah TRAMENTOZZI - Tactile Expert di Tooteko Srls, ha raccontato come una persona cieca possa fare esperienze culturali in autonomia attraverso Tooteko, progetto sperimentato al Museo dell’Ara Pacis di Roma, basato su un anello e un dispositivo NFC che consente di unire esperienza tattile e informazioni audio.

Nell’ultima sezione, La disabilità nella produzione artistica, la moderatrice Maurizia REBOLA - Direttrice Fondazione Circolo dei lettori, ha introdotto i lavori dei relatori valorizzando le peculiarità dei singoli. Cosimo GOMEZ - Regista del film Brutti e Cattivi, dopo essere stato insignito del premio “3 Dicembre”, ha raccontato come è nata l’idea di una commedia sulla periferia e la volontà di riscatto che ha per protagonisti attori con disabilità. Roberto MASTROIANNI - Curatore e critico d’arte, ricercatore indipendente di semiotica, estetica filosofica e filosofia del linguaggio presso l’Università degli Studi di Torino, ha sottolineato la necessità che l’artista sia valutato per la qualità estetica della produzione artistica personale a prescindere dalle eventuali disabilità vissute, intendendo l’accessibilità come espressione della dignità umana. Felice TAGLIAFERRI - Scultore cieco, ha raccontato come l’incontro con la scultura, avvenuto quasi per caso, sia diventato la modalità per esprimere la propria personalità, rendere manifesti i diritti delle persone con disabilità e coinvolgere la società attraverso la formazione nella scuola di arte plastica da lui diretta, Chiesa dell’Arte. Tea TARAMINO - Referente Servizio Disabili della Città di Torino, ha illustrato il progetto Mai Visti e altre storie che valorizza l’Arte Irregolare, realizzato in collaborazione con l’Associazione Arteco, coinvolgendo artisti con disabilità intellettiva attraverso la realizzazione di mostre, cataloghi e servizi di supporto alla produzione artistica. Nicoletta TINTI - Danzatrice con disabilità, ha testimoniato come sia riuscita ad affrontare la propria disabilità prendendo coscienza dei propri limiti fisici e superandoli con disciplina, volontà e condivisione per tornare a emozionarsi danzando nella compagnia “InOltre”, di cui è cofondatrice.

Gli interventi hanno valorizzato le progettualità di ogni relatore, creando possibili collaborazioni al fine di rendere sempre più inclusivi i servizi e le offerte di cultura for all a livello regionale e nazionale. 

Fonte: Ufficio Stampa CPD

Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.