punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

10/8/2018 In un App tutte le 151 spiagge liguri accessibili

È la novità della “Guidamare 2018”, il vademecum realizzato ogni anno dalla Consulta regionale per la tutela dei diritti della persona con disabilità e dall’Inail, presentato questa mattina dalla Regione Liguria.

10/8/2018 Ferragosto il concerto dalle note stonate

Per il concerto programmato il 15 agosto di quest’anno al Pian Munè di Paesana leggiamo che ci saranno numerose opportunità: serata in compagnia di astrofili, salita in mountain bike anche con pedalata assistita. E le persone con disabilità motoria? No, per loro non sono previsti mezzi attrezzati con pedana per raggiungere il luogo del concerto.

 

3/8/2018 CPD Chiusura Uffici

Ricordiamo a tutti gli orari e i giorni di apertura e chiusura dei nostri uffici e servizi nel mese di Agosto.

3/8/2018 LEGGE 13/89: Ritardo nella liquidazione dei contributi

Riceviamo da molte persone con disabilità messaggi di preoccupazione inerenti la liquidazione di contributi riguardanti la L. 13/89 afferenti anche agli anni 2011 e 2012, oltre a quelli successivi.

26/7/2018 Preoccupazioni sul Fondo Socio sanitario regionale

La CPD condivide con la Fondazione Promozione Sociale e con il CSA (e chiede alle altre Organizzazioni di volontariato di rilanciare questo appello al Consiglio Regionale) la seria preoccupazione per l’intenzione espressa dalla Regione Piemonte nella bozza del disegno di legge del 18 aprile scorso di istituire il Fondo Socio sanitario regionale.

Allarme disabilità: la Regione non garantisce le cure

25/5/2018

Immagine: Allarme disabilità: la Regione non garantisce le cure

Le persone malate e con disabilità non autosufficienti hanno diritto a servizi sanitari sicuri, previsti dalla legge, non a un’assistenza sociale che viene erogata a discrezione delle amministrazioni. Può essere riassunta così l’istanza avanzata da oltre venti associazioni e organizzazioni a tutela delle esigenze socio-sanitarie dei loro assistiti. Motivo scatenante della loro azione – che ha portato la Commissione Sanità del Consiglio regionale del Piemonte ad un’audizione urgente dei rappresentanti delle realtà, il 14 maggio – la bozza di Piano della Cronicità presentato dalla Giunta regionale, passata all’esame del Consiglio.

«In tutto il Piemonte sono 30 mila – scrive in una nota il presidente di Anffas Piemonte Giancarlo D’Errico – le famiglie che soffrono per la mancata presa in carico da parte delle Asl». Il Piano predisposto dalla Regione, prevede «l'attribuzione agli Enti gestori delle funzioni socio-assistenziali piemontesi (i Comuni) un ruolo attivo e diretto nella presa in carico dei pazienti cronici», specialmente di quelli inguaribili e non autosufficienti. Una strada, fa notare Gabriele Piovano, presidente della Consulta per le Persone in Difficoltà, «che sposta tutta la materia sul comparto sociale, caratterizzato da prestazioni discrezionali, non garantite e non rispondenti alle reali esigenze delle persone con disabilità grave». La sproporzione tra i due settori regionali è evidente nelle dimensioni dei budget e preoccupa gli osservatori: il bilancio sanitario della Regione Piemonte ammonta a 8,5 miliardi all’anno – «di cui solo 230 milioni per le rette sanitarie in Rsa», precisano i gestori delle strutture, chiedendo un aumento della cifra e dei posti letto convenzionati – quello delle politiche sociali ammonta a circa 400 milioni.

Secondo la Fondazione promozione sociale onlus: «Oggi oltre il 90% delle persone che sono prese in carico per prestazioni socio-sanitarie non usufruisce di interventi di integrazione sociale: a tutti questi malati, se il Piano della cronicità entrasse in funzione così, sarebbe negato l’accessoalla sanità, perché sarebbero valutati – e giudicati non idonei – con i criteri delle politiche sociali».

di Andrea Ciattaglia

malati e i disabili non
autosufficienti hanno
diritto a servizi sanitari
sicuri, previsti dalla legge,
non a un’assistenza
sociale che viene erogata
a discrezione delle
amministrazioni. Può essere
riassunta così l’istanza avanzata
da oltre venti associazioni e
organizzazioni a tutela delle
esigenze socio-sanitarie dei
loro assistiti. Motivo scatenante
della loro azione – che ha
portato la Commissione Sanità
del Consiglio regionale del
Piemonte ad un’audizione
urgente dei rappresentanti
delle realtà, il 14 maggio – la
bozza di Piano della Cronicità
presentato dalla Giunta regionale,
passata all’esame del
Consiglio.
«In tutto il Piemonte sono
30 mila – scrive in una nota
il presidente di Anffas Piemonte
Giancarlo D’Errico –
le famiglie che soffrono per
la mancata presa in carico
da parte delle Asl». Il Piano
predisposto dalla Regione,
prevede «l'attribuzione agli
Enti gestori delle funzioni
socio-assistenziali piemontesi
(i Comuni) un ruolo attivo e
diretto nella presa in carico
dei pazienti cronici», specialmente
di quelli inguaribili e
non autosufficienti. Una strada,
fa notare Gabriele Piovano,
presidente della Consulta
per le Persone in Difficoltà,
«che sposta tutta la materia
sul comparto sociale, caratterizzato
da prestazioni discrezionali,
non garantite e non
rispondenti alle reali esigenze
delle persone con disabilità
grave». La sproporzione tra i
due settori regionali è evidente
nelle dimensioni dei budget
e preoccupa gli osservatori:
il bilancio sanitario della
Regione Piemonte ammonta
a 8,5 miliardi all’anno – «di
cui solo 230 milioni per le rette
sanitarie in Rsa», precisano
i gestori delle strutture, chiedendo
un aumento della cifra
e dei posti letto convenzionati
– quello delle politiche sociali
ammonta a circa 400 milioni.
Secondo la Fondazione promozione
sociale onlus: «Oggi
oltre il 90% delle persone
che sono prese in carico per
prestazioni socio-sanitarie
non usufruisce di interventi
di integrazione sociale: a tutti
questi malati, se il Piano della
cronicità entrasse in funzione
così, sarebbe negato l’accesso
alla sanità, perché sarebbero
valutati – e giudicati non idonei
– con i criteri delle politiche
sociali».

Fonte: La Voce e il Tempo 

Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.