punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

13/7/2018 Santa Messa in memoria di Paolo Osiride Ferrero

Giovedì 19 luglio 2018 alle ore 18.00 presso il Duomo di Torino si celebrerà una messa in ricordo del professor Paolo Osiride Ferrero, storico presidente della Consulta ad un anno dalla scomparsa.

13/7/2018 Nodo Territoriale contro le discriminazioni

La Consulta per le Persone in Difficoltà è ufficialmente parte del Nodo Territoriale contro le discriminazioni promossa dalla Città Metropolitana di Torino.

13/7/2018 "Guida agli interventi a favore delle persone disabili"

La Regione Piemonte ha predisposto anche quest’anno la “Guida agli interventi a favore delle persone disabili". E’ consultabile on line e le copie cartacee sono disponibili presso le sedi degli Uffici per le relazioni con il pubblico.

6/7/2018 Riserva di sosta ad personam

La Delibera del 7 marzo 2017 in materia di criteri di assegnazione di stalli ad personam sta portando disagi a diverse persone con disabilità e alle loro famiglie. La CPD chiede ufficialmente di aprire un tavolo di discussione con l'assessore finalizzato al miglioramento della delibera.

6/7/2018 Ambulatorio per persone con disabilità a rischio!

La CPD esprime la sua preoccupazione per l'ambulatorio di Transitional Care delle Molinette che da marzo scorso non accetta più prenotazioni per prime visite. S’impegnerà al fianco delle associazioni affinché l’ambulatorio possa ritornare al suo normale funzionamento per garantire i diritti di cura delle persone con disabilità intellettiva e autismo.

Riserva di sosta ad personam

6/7/2018

Immagine: Riserva di sosta ad personam

La Delibera del 7 marzo 2017 in materia di criteri di assegnazione di stalli ad personam sta portando disagi a diverse persone con disabilità e alle loro famiglie. 

Ne è esempio il caso della Sig.ra V. C. accaduto nel mese di giugno, ultimo di diversi che giungono a conoscenza della nostra associazione.

Ricordiamo che ad oggi il regolamento comunale prevede che, per avere diritto al parcheggio riservato, la persona con disabilità debba abitare con il conducente a prescindere dell’intestazione dell’auto.

La decisione di rimuovere lo stallo riservato nei casi in cui l’assistente personale o il congiunto che provvedono all’accompagnamento non siano residenti con la persona con disabilità, crea situazioni imbarazzanti, il più delle volte paradossali. Spesso, come nel caso citato, la persona con disabilità grave giunge con fatica all’idea di realizzare un progetto di vita che preveda il distacco dalla famiglia: la tanto desiderata Vita Indipendente!

Ma cosa si verifica in questi casi? Che per non vedersi rimosso lo stallo si è costretti a tornare ad uno stato di famiglia di co-residenza con il proprio genitore, come è accaduto alla Sig.ra V.C., o con un assistente personale annullando, così, gli sforzi per raggiungere l’obiettivo dell’indipendenza.

Lo stesso vale per persone anziane con disabilità grave e gravissima che vivono con un assistente non è in possesso di patente di guida oppure con la residenza altrove. A questo punto costringiamo il figlio/a a rinunciare alla propria vita familiare. Per poter provvedere all’accompagnamento in auto del genitore egli dovrà, infatti, andare a risiedere nel suo stesso appartamento (non vale neanche lo stesso numero civico!).

E l’idea di rimuovere lo stallo ad personam per concederne uno generico nei pressi dell’abitazione non riteniamo sia una soluzione rispettosa. Cerchiamo di metterci nei panni di chi è malato di SLA, oppure ha una disabilità gravissima, magari anche con patologie oncologiche, e non è in grado di spostarsi senza aiuti. Lo stallo generico è quasi sempre occupato, anche impropriamente. L’accompagnatore deve intraprendere allora un percorso di ricerca estenuante, che termina quasi sempre con un parcheggio in seconda fila nel tentativo di rendere la discesa dall’auto la più agevole per la persona con disabilità.

La CPD, considerati i molti casi di disagio, malcontento e protesta pervenuti, ritiene indispensabile una revisione della Delibera tale da renderla più equa, giusta, a tutti gli effetti AD PERSONAM!

Leggi la lettera inviata all'Assessore Maria La Pietra

 

Fonte:Ufficio Stampa CPD


Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.