punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

19/4/2019 Per gli amici della CPD: agevolazioni su Natturalclub

La CPD Consulta per le Persone in Difficoltà ha deciso di regalare a tutti i suoi amici e coloro che la seguono agevolazioni per il benessere della persona grazie alla collaborazione con NatturalClub.com

19/4/2019 BUONA PASQUA!

La CPD Consulta per le Persone in Difficoltà è lieta di fare a tutti voi i nostri migliori auguri di Pasqua. 

19/4/2019 Nuove tariffe per il servizio taxi a Torino

Grandi novità per quanto riguarda il servizio taxi con pedana della città di Torino. Dal 1 aprile al 1 ottobre in via sperimentale verranno adottate delle nuove tariffe. 

esigenze di mobilità con il servizio taxi delle persone diversamente abili che si trovano sul
proprio territorio.
12/4/2019 Nuovi LEA, Conferenza Stampa – Torino, 18 aprile

Giovedì 18 aprile 2019 alle ore 11.30 presso il Centro Servizi Vol.To in Via Giolitti n. 21, il CSA – Coordinamento Sanità e Assistenza e la Fondazione Promozione Sociale Onlus terranno una Conferenza Stampa sui nuovi LEA – Livelli Essenziali di Assistenza su cui si è recentemente pronunciato il Consiglio di Stato. 

9/4/2019 Un vero successo con "Affetti clinici"

Ambientata in una clinica un po' particolare, dove la salute dei pazienti è l'ultimo dei pensieri di chi la gestisce, "Affetti clinici", in scena ieri, lunedì 8 aprile al Teatro Alfieri di Torino, è una commedia degli equivoci ironica, sarcastica e dissacrante che ha condotto il pubblico, con un sorriso amaro, tra i limiti e le contraddizioni della società del nostro tempo.

RE-STARE BENE INSIEME: socializzazione e benessere

8/2/2019

Immagine: RE-STARE BENE INSIEME: socializzazione e benessere

I numeri del progetto:
? 2 territori
? 7 punti aggregativi
? 300 persone anziane con fragilità
? 40 Volontari
? 10 gite fuori porta
? 500 video consulenze mediche
? tante nuove relazioni per ritrovare un ruolo attivo nella società.
Coinvolgere 300 persone anziane in attività di socializzazione, benessere e promozione della salute: è l’ambizioso obiettivo del progetto RE-STARE BENE INSIEME, promosso dalla CPD - Consulta per le Persone in Difficoltà e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con la collaborazione della Regione Piemonte - Direzione Coesione sociale nell’ambito del Programma Finanziamenti per il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da ODV e APS ai sensi artt. 72 e 73 D.Lgs 117/2017 Codice del terzo settore.
L’iniziativa vede coinvolti le Circoscrizioni 3, 5, 7 e 8 di Torino e il territorio dell’Unione dei Comuni Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone. Le persone anziane dei due territori che vivono una solitudine non volontaria verranno coinvolte nelle attività di sette punti di incontro distribuiti sul territorio:
ASSOCIAZIONE NUOVA GENERAZIONE - Via P. Cossa 280/2, Torino
ASSOCIAZIONE CONTACT - Via Brunetta 11/H, Torino
SPAZIO BIGLIERI, Via Biglieri 46, Torino
CENTRO RISCREATIVO VANCHIGLIA, Via Napione 34B, Torino
ASSOCIAZIONE LANZO È, P.zza Gallenga 11/A, Lanzo T.se
PUNTO INCONTRO ANZIANI, P.za del Municipio 5, Corio
ASSOCIAZIONE VALLI IN ROSA, Via Lanzo s.n., Ceres
VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE PERSONE
Il programma di attività rivolto alla popolazione anziana per contrastare il senso di solitudine e favorire la partecipazione a centri aggregativi si concentra nell’organizzazione di gite e uscite, che rivestono un valore che va ben oltre il semplice svago, permettendo di approfondire conoscenze, condividere esperienze e vissuti e prendersi cura di sé. Ogni punto aggregativo sarà coinvolto in dieci eventi: cinque uscite fuori porta e cinque visite in cui accoglierà persone anziane di altri punti aggregativi.
PROMOZIONE DELLA SALUTE
Per la prima volta in Italia, verrà sperimentata una nuova APP che facilita l’accesso alla prevenzione e ai medici da parte di persone con difficoltà ad affrontare lunghi spostamenti: da un lato consente di tenere sotto controllo i parametri vitali, in modo da registrare tempestivamente l’insorgenza di problemi, dall’altro consente video consulti specialistici a distanza.
Le persone anziane che vorranno sperimentare l’applicazione saranno aiutate, nei centro aggregativi, da personale appositamente formato e potranno sperimentarne le diverse funzionalità. La sperimentazione sarà monitorata e analizzata per comprendere i risvolti socio-relazionali dell’impiego di strumenti di cura digitale rivolti a un pubblico anziano, in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino.
Gabriele Piovano, Presidente CPD - Consulta per le Persone in Difficoltà: “La solitudine e l'isolamento delle persone anziane favoriscono l'insorgere di forme di malessere e depressioni che spesso portano alla cronicità di malattie. Il contrasto alla solitudine, l'attenzione per il benessere psico-fisico delle persone sono importanti per valorizzare le potenzialità di ciascuno e riscoprire un ruolo attivo nella società, magari come volontario.
Il progetto Re-stare bene insieme agisce in questo ambito presentando un alto grado di innovazione sia per la metodologia di intervento che per le tecnologie impiegate. Offrire nei centri aggregativi strumenti tecnologici di monitoraggio della salute diventa un'occasione per entrate a far parte di reti informali che offrono di opportunità di socializzazione”.
Ernestina Assalto, Presidente Unione Montana di Comuni delle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone: “Il nostro territorio come la maggior parte dei territori montani, registra una percentuale significativa di popolazione anziana che ha sperimentato la possibilità di incontro attivando gruppi di aggregazione di vario genere. Gruppi che potrebbero trarre benefici da scambi di saperi con atre realtà diverse come può essere la realtà urbana. Il progetto RE-STARE BENE INSIEME offre questa prospettiva in una logica di valorizzazioni di esperienze e storie, di territori e ambiente, oltre che di contrasto all’isolamento per favorire occasioni di conoscenza che, come ben sappiamo, è utile e importante per ogni età”.
Il progetto RE-STARE BENE INSIEME si avvale anche della collaborazione di Città di Torino - Circoscrizione 7, APS Nuova Generazione, ATC - Agenzia Territoriale per la Casa, CSV Vol.To, CIDIMU, Gruppo di Azione Locale (GAL) Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, Unione Montana dei Comuni di Lanzo, Ceronda e Casternone, Consorzio Intercomunale dei Servizi socio-assistenziali (CIS) di Cirié, ADN - Associazione Diritti Negati.

I numeri del progetto:

2 territori, 7 punti aggregativi, 300 persone anziane con fragilità, 40 Volontari, 10 gite fuori porta, 500 video consulenze mediche e tante nuove relazioni per ritrovare un ruolo attivo nella società.

Coinvolgere 300 persone anziane in attività di socializzazione, benessere e promozione della salute: è l’ambizioso obiettivo del progetto RE-STARE BENE INSIEME, promosso dalla CPD - Consulta per le Persone in Difficoltà e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali con la collaborazione della Regione Piemonte - Direzione Coesione sociale nell’ambito del Programma Finanziamenti per il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da ODV e APS ai sensi artt. 72 e 73 D.Lgs 117/2017 Codice del terzo settore.

L’iniziativa vede coinvolti le Circoscrizioni 3, 5, 7 e 8 di Torino e il territorio dell’Unione dei Comuni Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone. Le persone anziane dei due territori che vivono una solitudine non volontaria verranno coinvolte nelle attività di sette punti di incontro distribuiti sul territorio:

ASSOCIAZIONE NUOVA GENERAZIONE - Via P. Cossa 280/2, Torino

ASSOCIAZIONE CONTACT - Via Brunetta 11/H, Torino

SPAZIO BIGLIERI, Via Biglieri 46, Torino

CENTRO RISCREATIVO VANCHIGLIA, Via Napione 34B, Torino

ASSOCIAZIONE LANZO È, P.zza Gallenga 11/A, Lanzo T.se

PUNTO INCONTRO ANZIANI, P.za del Municipio 5, Corio

ASSOCIAZIONE VALLI IN ROSA, Via Lanzo s.n., Ceres

 

VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE PERSONE

Il programma di attività rivolto alla popolazione anziana per contrastare il senso di solitudine e favorire la partecipazione a centri aggregativi si concentra nell’organizzazione di gite e uscite, che rivestono un valore che va ben oltre il semplice svago, permettendo di approfondire conoscenze, condividere esperienze e vissuti e prendersi cura di sé. Ogni punto aggregativo sarà coinvolto in dieci eventi: cinque uscite fuori porta e cinque visite in cui accoglierà persone anziane di altri punti aggregativi.

PROMOZIONE DELLA SALUTE

Per la prima volta in Italia, verrà sperimentata una nuova APP che facilita l’accesso alla prevenzione e ai medici da parte di persone con difficoltà ad affrontare lunghi spostamenti: da un lato consente di tenere sotto controllo i parametri vitali, in modo da registrare tempestivamente l’insorgenza di problemi, dall’altro consente video consulti specialistici a distanza.

Le persone anziane che vorranno sperimentare l’applicazione saranno aiutate, nei centro aggregativi, da personale appositamente formato e potranno sperimentarne le diverse funzionalità. La sperimentazione sarà monitorata e analizzata per comprendere i risvolti socio-relazionali dell’impiego di strumenti di cura digitale rivolti a un pubblico anziano, in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino.

Gabriele Piovano, Presidente CPD - Consulta per le Persone in Difficoltà: “La solitudine e l'isolamento delle persone anziane favoriscono l'insorgere di forme di malessere e depressioni che spesso portano alla cronicità di malattie. Il contrasto alla solitudine, l'attenzione per il benessere psico-fisico delle persone sono importanti per valorizzare le potenzialità di ciascuno e riscoprire un ruolo attivo nella società, magari come volontario. Il progetto Re-stare bene insieme agisce in questo ambito presentando un alto grado di innovazione sia per la metodologia di intervento che per le tecnologie impiegate. Offrire nei centri aggregativi strumenti tecnologici di monitoraggio della salute diventa un'occasione per entrate a far parte di reti informali che offrono di opportunità di socializzazione”.

Ernestina Assalto, Presidente Unione Montana di Comuni delle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone: “Il nostro territorio come la maggior parte dei territori montani, registra una percentuale significativa di popolazione anziana che ha sperimentato la possibilità di incontro attivando gruppi di aggregazione di vario genere. Gruppi che potrebbero trarre benefici da scambi di saperi con atre realtà diverse come può essere la realtà urbana. Il progetto RE-STARE BENE INSIEME offre questa prospettiva in una logica di valorizzazioni di esperienze e storie, di territori e ambiente, oltre che di contrasto all’isolamento per favorire occasioni di conoscenza che, come ben sappiamo, è utile e importante per ogni età”.

Il progetto RE-STARE BENE INSIEME si avvale anche della collaborazione di Città di Torino - Circoscrizione 7, APS Nuova Generazione, ATC - Agenzia Territoriale per la Casa, CSV Vol.To, CIDIMU, Gruppo di Azione Locale (GAL) Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, Unione Montana dei Comuni di Lanzo, Ceronda e Casternone, Consorzio Intercomunale dei Servizi socio-assistenziali (CIS) di Cirié, ADN - Associazione Diritti Negati.

Fonte: Ufficio stampa CPD

Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.