punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

19/4/2019 Per gli amici della CPD: agevolazioni su Natturalclub

La CPD Consulta per le Persone in Difficoltà ha deciso di regalare a tutti i suoi amici e coloro che la seguono agevolazioni per il benessere della persona grazie alla collaborazione con NatturalClub.com

19/4/2019 BUONA PASQUA!

La CPD Consulta per le Persone in Difficoltà è lieta di fare a tutti voi i nostri migliori auguri di Pasqua. 

19/4/2019 Nuove tariffe per il servizio taxi a Torino

Grandi novità per quanto riguarda il servizio taxi con pedana della città di Torino. Dal 1 aprile al 1 ottobre in via sperimentale verranno adottate delle nuove tariffe. 

esigenze di mobilità con il servizio taxi delle persone diversamente abili che si trovano sul
proprio territorio.
12/4/2019 Nuovi LEA, Conferenza Stampa – Torino, 18 aprile

Giovedì 18 aprile 2019 alle ore 11.30 presso il Centro Servizi Vol.To in Via Giolitti n. 21, il CSA – Coordinamento Sanità e Assistenza e la Fondazione Promozione Sociale Onlus terranno una Conferenza Stampa sui nuovi LEA – Livelli Essenziali di Assistenza su cui si è recentemente pronunciato il Consiglio di Stato. 

9/4/2019 Un vero successo con "Affetti clinici"

Ambientata in una clinica un po' particolare, dove la salute dei pazienti è l'ultimo dei pensieri di chi la gestisce, "Affetti clinici", in scena ieri, lunedì 8 aprile al Teatro Alfieri di Torino, è una commedia degli equivoci ironica, sarcastica e dissacrante che ha condotto il pubblico, con un sorriso amaro, tra i limiti e le contraddizioni della società del nostro tempo.

Premio

21/7/2011

Immagine: Premio

Radio, TV e cinema contro l'esclusione sociale

È questo il senso del Premio "L'Anello Debole", con corso giunto quest'anno alla sua settima edizione, sempre a cura della Comunità di Capodarco, che premia i migliori esempi di trasmissioni radiofoniche e televisive, oltreché di opere cinematografiche brevi, che abbiano narrato fatti e vicende della popolazione italiana e straniera definibile "fragile", perché "periferica" o "marginalizzata". Le iscrizioni sono aperte sino al 1° agosto e le premiazioni si avranno in novembre, durante "L'Anello Debole - Capodarco Corto Film Festival"

Punta quest'anno a una dimensione internazionale - dopo essersi affermato come uno dei più importanti riconoscimenti italiani dedicati alla comunicazione audio-video su tematiche di forte contenuto sociale e sulla sostenibilità ambientale - il Premio L'Anello Debole, promosso dalla Comunità di Capodarco a partire dal 2005 e giunto quindi alla sua settima edizione. Questa volta, infatti, il bando è stato tradotto anche in inglese, con l'auspicio di coinvolgere e far conoscere in Italia parte della ricchissima produzione di servizi giornalistici radiofonici e televisivi e cortometraggi che vengono realizzati all'estero.

Nato da un'idea del giornalista Giancarlo Santalmassi, L'Anello Debole ha raccolto un interesse crescente, grazie anche al supporto costante di una prestigiosa giuria di qualità, composta dallo stesso Santalmassi (presidente), da don Vinicio Albanesi, da Pino Corrias, Daniela De Robert, Andrea Pellizzari e Daniele Segre.
Nelle sei edizioni svoltesi finora, sono state ammesse al concorso 671 opere (su 717 inviate) e 339 sono state selezionate per la votazione finale. Tra i partecipanti giornalisti di tutte le testate RAI e Mediaset, di Sky, La 7, Radio 24 e di varie altre testate radiotelevisive regionali, insieme a numerosi autori audio-video in concorso come singoli o in rappresentanza delle principali organizzazioni non profit.
Lo scorso anno è stata avviata anche una partnership con il «Corriere della Sera» che ha pubblicato le opere finaliste sul proprio portale.

L'edizione 2011 del premio - cui si potrà partecipare entro il 1° agosto - ripropone la formula varata con successo nel 2010: la premiazione, infatti, verrà inserita all'interno di un festival ricco di eventi e articolato in più giorni, vale a dire L'Anello Debole - Capodarco Corto Film Festival, che si svolgerà dal 2 al 6 novembre in varie strutture tra la Comunità di Capodarco e altri centri marchigiani sul territorio del Fermano. Il programma di tale manifestazione è ancora in via di definizione.
Possono partecipare all'Anello Debole opere audio e video, edite o inedite, realizzate e/o trasmesse dopo il 1° gennaio 2010. Il campo tematico è molto ampio: il vasto mondo del disagio e dell'impegno sociale, la sostenibilità e la denuncia ambientale.
Cinque le Sezioni previste (Radio; TV; Corti della realtà; Corti di Fiction e Cortissimi), con le opere in concorso che dovranno superare un primo esame ad opera di un gruppo di persone appositamente nominato dalla Comunità di Capodarco. Successivamente le "selezionate" passeranno alla giuria di qualità che sceglierà le finaliste. Queste ultime, infine, verranno votate da una giuria popolare - composta da circa duecento persone di diversa età ed estrazione sociale, oltre che da studenti delle scuole superiori - nel corso del Capodarco Corto Film Festival. I loro voti, insieme a quelli della giuria di qualità, porteranno al verdetto finale. (S.B.)

 

Fonte: Press–IN 04/07/2011

Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.