punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

17/5/2019 Arcivescovo di Torino e mondo della disabilità

Santa Messa, lunedì 27 maggio 2019 ore 16.30 presso la Chiesa Grande, Piccola Casa della Provvidenza -  Cottolengo, Via San pietro in Vincoli 2, Torino.

 

10/5/2019 Fish Piemonte, incontro e confronto per le elezioni

L'incontro si terrà il 21 Maggio 2019 dalle ore 18.00 alle ore 21.00 presso L'Educatorio della Provvidenza Sala Arancio Corso Trento 13, Torino

3/5/2019 Basta poco! Donate il 5x 1000 alla CPD!

Basta poco per fare molto! Dona il 5x1000 alla Consulta per le Persone in Difficoltà al CF 97527910018.

3/5/2019 Corso di Formazione Normativa

Martedì 21 e Mercoledì 22 Maggio presso il Centro Servizi per il Volontariato Vol.To. in via Giolitti 21, Torino.

Formatore sarà il dott. Carlo Giacobini direttore responsabile di HandyLex.org, direttore editoriale di Superando.it, responsabile uff stampa FISH, del Centro documentazione legislativa UILDM e di IURA (Agenzia per i diritti delle persone con disabilità – UICI).

2/5/2019 Io per Lei. In piazza con UILDM e Telethon

"Io per lei” è un invito alla mobilitazione collettiva, una richiesta d’impegno talmente alta e forte da non lasciare indifferente nessuno, donne e uomini. Scegliere di sostenere Fondazione Telethon e UILDM con i Cuori di biscotto vuol dire compiere un atto di vera solidarietà verso le mamme “rare”.

il 4 e 5 Maggio in più di 1600 piazze i volontari UILDM e Fodazione Telethon ti aspettano al fianco delle mamme che lottano contro le malattie gentiche rare.

Un cortometraggio racconta amore, sesso e disabili

18/9/2013

Immagine: Un cortometraggio racconta amore, sesso e disabili

Amore, sesso e disabilità: il titolo è lungo, perché sul tema si taglia corto.

Amore è stare svegli tutta la notte con un bambino malato. O con un adulto molto sano” non è la frase di una poesia di Neruda, ma il titolo di un cortometraggio lanciato da Franco Montanaro.

Questo brillante ventottenne sogna, infatti, di realizzare un breve filmato sul tema tripartito di: amore, sesso e disabilità.

Lo sappiamo, è un argomento tabu, ma proprio per questo è giunta l’ora di infrangere questo muro e affrontarlo.

Naturalmente qualcuno ne ha già parlato, ma l’autore in questo caso, non cerca solo di trasmettere la consistenza del tema, bensì prova a mostrarcelo assumendo il punto di vista dei diretti interessati: i ragazzi con disabilità, che percorrono i loro primi passi nel viale alberato dell’amore, e le loro madri, le quali spesso si stupiscono di quanto in fretta i loro bambini siano diventati uomini con necessità e impulsi tutti nuovi.

È proprio qui che si nasconde la chiave di volta per cogliere il senso di un titolo tanto articolato: l’amore risiede laddove l’uno rimane accanto all’altro anche quando i bisogni cambiano e le difficoltà aumentano.

Franco Montanaro pensa di rendere l’idea più o meno così: Camillo è un ragazzo di 18 anni che, uscito di scuola, aspetta la madre per tornare a casa. Una volta riposta la carrozzina nel bagagliaio i due sono finalmente pronti per partire.

La madre nota che Camillo posa lo sguardo su un cartellone pubblicitario che mette in mostra un bellissimo corpo femminile. È visibilmente imbarazzata, ma anche consapevole che il suo “pargolo” è diventato adulto; per questo trova la forza di superare l’imbarazzo e andare oltre i soliti preconcetti.

L’autore coglie a pieno la frustrazione di un genitore che vorrebbe aiutare il proprio figlio, ormai cresciuto, a vivere la propria sessualità.

Proprio di recente, infatti, una parte dell’opinione pubblica, quella legata al mondo della disabilità, è interessata al dibattito che si è aperto sul tema della legalizzazione del ruolo dell’assistente sessuale, già presente in altri paesi europei.

Tuttavia, per quanto il tema del cortometraggio sembri cavalcare la cresta dell’onda potrebbe rimanere solo un progetto; la sua realizzazione, infatti, richiede una somma di circa 10000 €, per raccogliere i quali è stata attivata una campagna online per un finanziamento a cui tutti possono partecipare a partire da 1€ per arrivare a ricompense che vanno ben oltre il valore del denaro.

Il termine ultimo, entro il quale il finanziamento dovrà raggiungere il 70%, è il 30 novembre 2013.

Inoltre, la ciliegina sulla torta è che se il progetto riuscirà ad essere finanziato, il cortometraggio verrà diretto dal famoso regista e vincitore di un David di Donatello, Adriano Sforzi.

Guarda il video

 

Fonte: Disabilità e sessualità - Servizio Passepartout

 

Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.