punto okPunto pass
Aiutaci a segnalare le barriere della tua città, per migliorare l'agibilità di strade, mezzi e strutture!

3 dicembre 2015 - Giornata dedicata alle scuole

Organizzata in occasione della Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità 2015. Tema di questa edizione “Tutti a scuola di Pari Opportunità”.

25/7/2017 Ultimo saluto a Paolo Osiride Ferrero

Paolo Osiride Ferrero, presidente per oltre vent’anni della CPD, pilastro portante e figura carismatica del mondo della disabilità e del Volontariato torinese, è mancato oggi - 24 luglio.

21/7/2017 "Nuovo" 5 per mille, in vigore il nuovo decreto

Pubblicato in Gazzetta il testo del decreto collegato alla Legge 106. Confermata l'idea di non erogare le somme percepite sotto una certa soglia, e di ridistribuire l'inoptato con criteri diversi da quelli attuali. Prevista anche una stretta sui tempi di erogazione, e sanzioni severe per le organizzazioni poco trasparenti.

21/7/2017 I "Dialoghi della Salute" in "E-state in Piazza D'armi

Undici incontri della durata di mezz’ora, in programma al Parco Cavalieri di Vittorio Veneto dal 20 al 30 luglio.

14/7/2017 Google Maps e l'accessibilità

Tutti gli utenti Android potranno segnalare le aree prive di barriere architettoniche o che forniscono servizi appositi per le sedie a rotelle.

 

14/7/2017 Una mostra realmente inclusiva

La mostra Bestiale! Animal Film Stars, in corso al Museo Nazionale del Cinema di Torino fino all’8 gennaio del prossimo anno, rientra nella terza categoria, facendosi notare per il suo contributo innovativo. Fin dalla fase progettuale, infatti, essa è stata costruita con una notevole attenzione per le “esigenze speciali”.

"Se Arianna": storia di una famiglia

22/10/2014

Immagine: "Se Arianna": storia di una famiglia

Se Arianna camminasse, parlasse, corresse, come qualsiasi ragazzina della sua età…ma Arianna, quando era neonata, è stata vittima di un’emorragia cerebrale che le ha gravemente danneggiato il cervello. Vive tra il letto e la sedia a rotelle, frequenta la scuola e il centro diurno, circondata dall’amore della sua famiglia. Ma come dice la sua mamma, la definizione “diversamente abile” suona come un eufemismo, perché Arianna non ha nessuna abilità. Il danno che il suo cervello ha subito è irreversibile, e c’è da gioire se le sue condizioni restano stazionarie e non ci sono peggioramenti all’orizzonte…

È una storia dolorosa ma si legge, in realtà, d’un fiato. Il racconto è vivace grazie alla struttura narrativa. Quattro voci si alternano: Anna, che racconta della sua bambina e della sua vita; il marito Davide, medico neurologo, in prima linea con Anna nella battaglia quotidiana per far sentire bene, per quanto possibile, la figlia; Alice e Daniele, gli altri due figli “normodotati” della coppia, nati dopo Arianna. Queste quattro voci ci fanno capire, senza censure, cosa si prova in una situazione simile. A partire dalle gelosie che possono nascere, per esempio, fra bambini quando una sorella “vampirizza” ogni energia e attenzione dei genitori… Salvo poi capire, crescendo, che questa sorella, come una farfalla con le ali tarpate, è una persona da amare e un membro irrinunciabile della famiglia, che finisce per plasmare anche l’identità degli altri.

“Se Arianna” di Anna Visciani, costo 12 euro.

Fonte: elle.it

Con il contributo di

Compagnia di San Paolo
Fondazione CRT

menu dx Gli amici della Consulta su Facebook I video della Consulta su Youtube

CPD è socia aderente di 

 

Per essere sempre aggiornato sulle attività della Consulta, iscriviti alla nostra newsletter:
22/10/2014 "Se Arianna": storia di una famiglia

"Se Arianna" è il titolo di un libro che racconta la storia di una ragazzina di 19 anni con disabilità grave e della sua famiglia.

9/9/2014 Siamo belli anche noi

Un viaggio di Franco Fontana tra le opere di Palazzo Madama a Torino. Una mostra. Un libro: emozioni e riflessioni.

28/7/2014 L'uomo che dipingeva il silenzio

È il silenzio che circonda il protagonista di questo intenso romanzo, ha sempre vissuto nel silenzio, Augustin, perché è nato sordo. Il libro è stato finalista all’Orange Prize for Fiction.